Articoli
24/11/2023
Energia e Infrastrutture

Il decreto di incentivazione agrivoltaico

Introduzione

Il Decreto in epigrafe (“Decreto MASE”), approvato dalla Commissione UE il 10 novembre 2023, è destinato a regolare gli incentivi per gli Impianti Agrovoltaici (“AV”). La sua entrata in vigore, prevista dall’articolo 1 del Decreto MASE, stabilirà i criteri di incentivazione in coerenza con le misure del PNRR, offrendo contributi in conto capitale e tariffe incentivanti.

 

Meccanismi Incentivanti

L’articolo 1, comma 2 del Decreto MASE propone incentivi per gli AV che rispettano i requisiti del decreto, comprendendo un contributo in conto capitale fino al 40% dei costi e una tariffa incentivante basata sulla produzione elettrica netta immessa in rete.

 

Requisiti Costruttivi e Monitoraggio

Il Decreto MASE, all’articolo 5, stabilisce i requisiti di accesso, richiedendo il rispetto dell’Allegato 2 e la continuità dell’attività agricola sottostante l’impianto. La precisione dei requisiti e la considerazione dei sistemi di monitoraggio sono oggetto di attenzione, e la definizione finale potrebbe derivare dalle istruzioni operative del GSE (“Regole Operative”).

I requisiti di cui all’Allegato 2 sono:

  • la superficie minima destinata all’attività agricola (≥ 70% della superficie totale del sistema agrivoltaico);
  • altezza minima dei moduli rispetto al suolo (1,3 metri per attività zootecnica, 2,1 metri per attività colturale);
  • la produzione elettrica dell’impianto deve essere ≥ al 60% della producibilità di un impianto standard.

 

Regole Operative e Accesso agli Incentivi

Il Decreto MASE, all’articolo 12, prevede l’approvazione delle Regole Operative entro 15 giorni dall’entrata in vigore. Queste regole disciplineranno dimensioni e costruzione degli impianti e i sistemi di monitoraggio.

 

Tariffa Incentivante e soggetti beneficiari

L’Allegato 1 del Decreto MASE stabilisce tariffe di riferimento per gli AV con un aumento per quelli nelle Regioni del Centro e del Nord.

I seguenti soggetti possono beneficiare degli incentivi:

  • imprenditori agricoli come definiti all’articolo 2135[1]c., in forma individuale o societaria, anche cooperativa, società agricole, consorzi e associazioni temporanee di imprese agricole (“Soggetto A”); o
  • associazioni temporanee di imprese, che includono almeno un Soggetto A (“Soggetto B”).

Gli impianti conformi ai requisiti di accesso possono beneficiare della tariffa incentivante attraverso l’iscrizione nei registri (solo Soggetti A con potenza ≤ 1 MW) o la partecipazione a procedure competitive (sia Soggetti A che Soggetti B con qualsiasi potenza).

L’Allegato 1 definisce le tariffe di riferimento (“TI di Riferimento”):

  • 93 Euro/MWh per impianti con una potenza (P) compresa tra 1 kW e 300 kW (1 < P ≤ 300) e
  • 85 Euro/MWh per impianti con una potenza (P) superiore a 300 kW[2] (P>300).

Per quanto riguarda l’accesso alle procedure competitive, i partecipanti dovranno offrire nell’istanza di partecipazione una riduzione percentuale della TI di Riferimento almeno pari al (≥) 2% (“TI Spettante”). Per quanto riguarda l’istanza per l’iscrizione nei registri tale riduzione percentuale della TI di Riferimento non si applicherà[3].

Infine, sulla natura della TI, l’articolo 10 del Decreto MASE precisa che per gli Impianti AV Avanzati[4]  o PNRR[5] di potenza non superiore a (≤) 200 kW, la TI assume la forma di tariffa omnicomprensiva e il GSE provvede direttamente al ritiro e alla vendita dell’energia prodotta[6]. Mentre, nel caso di impianti di potenza superiore a 200 kW la TI ha natura di premio e l’energia prodotta dall’impianto resta di proprietà del produttore (cfr. art. 10, comma 1, lett. a).

Tuttavia, occorre ancora un passaggio al fine di definire come calcolare la TI che verrà effettivamente erogata dal GSE (“TI Erogata”). Pertanto, è possibile individuare una serie di ipotesi:

  1. nel caso di Impianto AV Avanzatoo PNRR iscritto nei registri e di potenza (P) ≤ 200 kW, la TI Erogata avrà natura omnicomprensiva e sarà pari alla TI di Riferimento;
  2. nel caso di Impianto AV Avanzato o PNRR iscritto nei registi e di potenza 200 kW < (P) ≤ 1 MW, la TI Erogata avrà natura di tariffa premio e sarà pari alla differenza tra la TI di Riferimento e il prezzo di mercato dell’energia elettrica di riferimento;
  3. nel caso di Impianto AV Avanzato o PNRR in posizione utile a seguito della partecipazione alle procedure competitive di cui all’articolo 6 del Decreto MASE e di potenza (P) ≤ 200 kW, la TI Erogata avrà natura omnicomprensiva e sarà pari alla TI Spettante; infine
  4. nel caso di Impianto AV Avanzato o PNRR in posizione utile a seguito della partecipazione alle procedure competitive di cui all’articolo 6 del Decreto MASE e di potenza (P) > 200 kW, la TI Erogata avrà natura di tariffa premio e sarà pari alla differenza tra la TI Spettante e il prezzo di mercato dell’energia elettrica di riferimento.

In caso la TI Erogata abbia natura di tariffa premio il produttore rimane proprietario dell’energia prodotta e potrà valorizzarla sul mercato, mentre nel caso la TI Erogata abbia natura omnicomprensiva allora il GSE provvede direttamente al ritiro e alla vendita dell’energia. Infine, in caso la TI abbia natura di premio e, pertanto, la TI Erogata sia calcolata come differenza tra la Ti di Riferimento (o la TI Spettante) e il prezzo di mercato dell’energia, nel caso di differenza positiva, allora il GSE eroga gli incentivi rispetto alla produzione di energia immessa in rete. Diversamente, nel caso di differenza negativa, il GSE conguaglia o provvede a richiedere al soggetto titolare gli importi corrispondenti (cfr. art. 10, comma 1, lett. b).

 

Contributo in Conto Capitale

Le spese ammissibili, specificate nell’Allegato 3, devono essere pagate tramite bonifico bancario con quietanza entro il 30 giugno 2026. Il contributo massimo è specificato in base alla potenza dell’impianto e, in particolare:

  • 700 Euro/kWh per gli Impianti AV PNRR con una potenza (P) compresa tra 1 kW e 300 kW (1 < P ≤ 300);
  • 500 Euro/kWh per gli Impianti AV PNRR con una potenza (P) superiore a 300 kW (P > 300).

 

ATI e Partecipazione alle Procedure

Il Decreto MASE richiama il raggruppamento temporaneo di concorrenti del D.Lgs. 36/2023, definendo l’ATI come essenziale per gli AV. Si discute l’applicazione dell’ATI nel contesto agrovoltaico, evidenziando la libertà di forma giuridica e la possibilità di partecipare come “costituende”.

 

Il contenuto di questo elaborato ha valore meramente informativo e non costituisce, né può essere interpretato, quale parere professionale sugli argomenti in oggetto. Per ulteriori informazioni si prega di contattare Piero Francesco Viganò, Ernesto Rossi Scarpa Gregorj e Stefano Biraghi.

 

 

[1] L’art. 2135 c.c. statuisce: “1. è imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. 2. Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura ed allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. 3. Si intendono comunque connesse le attività, esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall’allevamento di animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l’utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell’azienda normalmente impiegate nell’attività agricola esercitata, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla legge”.

[2] L’Allegato 1 del Decreto MASE non indica chiaramente se la potenza degli impianti abbia come unità di misura i MWh o i kWh; tuttavia, dati gli intervalli previsti dal Decreto MASE e appena esposti sembra più ragionevole sostenere come unità di misura di riferimento i kWh.

[3] Cfr. art. 6, comma 3 Decreto MASE.

[4] Impianto che possiede i requisiti di cui alle lettere A, B, C e D delle Linee Guida del giugno 2022.

[5] Impianto che possiede i requisiti di cui alle lettere A, B, C, D ed E delle Linee Guida del giugno 2022.

[6] Tuttavia, il soggetto produttore può richiedere l’applicazione del regime relativo agli impianti di Potenza superiore a (>) 200 kW.

Ricevi i nostri aggiornamenti