Rassegna Stampa
15/05/2023
Il Sole 24 Ore
Proprietà Intellettuale

Baby influencer, tutele solo fai-da-te

Minori e social. Sempre più piccoli in rete, ma in Italia mancano disposizioni ad hoc. Possibile però fare riferimento a norme generali, come quelle su lavoro minorile e privacy, che per i legali vanno rispettate per evitare future controversie.

«C’è un vuoto normativo – ammette Paolo Lazzarino, socio dello studio ADVANT Nctm –, in parte colmato dalla legge sul lavoro minorile, che lo vieta sotto i 16 anni, ma con una deroga, che si potrebbe applicare ai baby influencer, per gli impieghi culturali, artistici, sportivi, pubblicitari o nel mondo dello spettacolo. Questa legge richiede l’autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro, a verifica che le attività non pregiudichino la sicurezza, l’integrità psicofisica e lo sviluppo del minore e la frequenza a scuola. Si potrebbe ipotizzare che il visto dell’Itl si possa estendere ai contratti pubblicitari che coinvolgono prestazioni non occasionali di baby artisti, ma è una prassi non testata».

Documento integrale disponibile sull’edizione giornaliera de Il Sole 24 Ore.

Ricevi i nostri aggiornamenti