La tua ricerca

    28.06.2024

    Linee guida per la realizzazione dei Data Center


    La Regione Lombardia con Delibera di Giunta Regionale n. 2629 del 24 giugno 2024 ha approvato le “Linee guida per la realizzazione dei Data Center”.

    Vediamone, in pillole, i principali contenuti.

    ***

    Perché emanare delle linee guida?

    Per fornire, nelle more dell’approvazione di un provvedimento normativo puntuale, indirizzi uniformi alle amministrazioni comunali, anche sotto il profilo urbanistico ed ambientale.

    Cosa sono i Data Center?

    Sono stanze, edifici o strutture fisiche che ospitano l’infrastruttura IT per la creazione, l’esecuzione e l’implementazione di applicazioni e servizi e per l’archiviazione e la gestione dei dati associati a tali applicazioni e servizi.

    Come si classificano i Data Center?

    In base alle dimensioni, al fabbisogno energetico e alla potenza di calcolo. In particolare, si distinguono in:

    • Hyperscale: strutture di grandi dimensioni, con fabbisogno energetico di oltre 100 MW, che hanno, di norma, uno sviluppo per fasi con tempi di realizzazione successivi dettati dalla graduale crescita dei fabbisogni di servizi destinati ai clienti finali.
    • Colocation: strutture di medie dimensioni, con fabbisogno energetico di oltre 5 MW.
    • Edge: strutture solitamente piccole (a volte anche solo un container), con fabbisogno energetico di meno di 1 MW.
    • Cripto-mining puro (“mining”): container o edifici di piccole dimensioni con un fabbisogno energetico elevato, ma gestite con poche e semplici risorse.

    A quanto sopra vanno poi aggiunti gli HPC (High Performance Computing) che possono essere di varie dimensioni e con differente fabbisogno energetico, ma, in generale, sono strutture con elevate esigenze per quanto riguarda la capacità di calcolo per scopi quali l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico e altre operazioni di calcolo complesse.

    Qual è la destinazione d’uso dei Data Center?

    I Data Center sono compatibili con le destinazioni d’uso produttiva e direzionale.

    Dove possono essere localizzati i Data Center?

    I Comuni possono valutare l’idoneità della localizzazione degli impianti di medie e grandi dimensioni in base ai seguenti criteri:

    • presenza di adeguata infrastrutturazione e disponibilità di energia a basso costo (preferibilmente energie rinnovabili) o produzione autonoma di energia, con priorità ai siti inattivi o ad aree brownfield, aree da rigenerare, aree a bassa densità di impianti, aree dove realizzare economie di sistema, impianti ecosistemici (teleriscaldamento, CER, …), aree climaticamente più idonee;
    • rischio ambientale;
    • qualità paesaggistica dei diversi territori;
    • possibili impatti sulle reti ecologiche e sulle reti verdi a finalità fruitiva;
    • presenza, nelle vicinanze, di infrastrutture, quali strade, tpl, acquedotti, elettrodotti, fognature, condutture tecnologiche, etc.;
    • presenza di altri data center o alla presenza di altre attività che potrebbero beneficiare del suddetto insediamento, anche ai fini della salvaguardia di occupazione e di tessuto produttivo.

    Quali sono le autorizzazioni ambientali necessarie?

    • Ove la potenza termica nominale dei gruppi di emergenza sia superiore a 50 MW si ricade in attività soggetta ad AIA, tale per cui è necessario che il proponente acquisisca preventivamente il provvedimento di esclusione da VIA o, in caso di potenza complessiva superiore a 150 MW, il provvedimento di compatibilità ambientale, prioritariamente rispetto al rilascio dell’AIA e di ogni altra autorizzazione.
    • Per i Data Center di medie e grandi dimensioni è necessario verificare, in base a quanto previsto dalla pianificazione comunale, se l’intervento rientri nell’ambito di applicazione della VAS.

    Qual è l’impatto sul procedimento autorizzatorio?

    Le istanze relative a strutture di medie e grandi dimensioni devono essere valutate in sede di conferenza di servizi in cui la Provincia o la Città metropolitana territorialmente interessata esprimerà un parere sulla compatibilità dell’intervento in base a quanto previsto dalle linee guida in oggetto.

    Milano-Cortina, Abodi: «Lavori avanti a ritmi incalzanti»
    A un evento nel capoluogo lombardo parla anche il presidente del Coni Malagò: «Ci sono sempre dei piani B. Se non si realizzasse la pista da bob in tempo bisognerà andare in una di quelle già funzionanti».…
    Approfondisci
    Milano, tavola rotonda su impianti sportivi e nuovo stadio
    Tavola rotonda su Impianti e infrastrutture sportive a Milano, organizzata dallo studio legale Advant Nctm. Tra gli ospiti del dibattito Andrea Abodi, Ministro per lo Sport e i Giovani, Giovanni Malago’, P…
    Approfondisci
    Abodi: "A oggi San Siro non potrebbe ospitare l'Europeo 2032"
    Il ministro dello Sport: "Dal punto di vista della rigenerazione delle infrastrutture bisogna ancora dare delle risposte entro il 2026". Il futuro di San Siro resta caldo non solo a breve e medio te…
    Approfondisci
    Città Metropolitana di Milano: approvate le prime tre Strategie Tematico-Territoriali Metropolitane
    Lo scorso 28 febbraio il Consiglio Metropolitano di Milano ha approvato le prime tre Strategie Tematico-Territoriali Metropolitane (STTM), predisposte ai sensi dell’art. 7-bis delle Norme di Attuazione del…
    Approfondisci
    RE ITALY 6 ottobre 2023: A che punto è il Proptech
    RE ITALY, la Convention italiana del Real Estate, torna il 6 ottobre 2023, sempre organizzata da Monitorimmobiliare e sempre in presenza in Borsa Italiana, per la sua 21° edizione. Il panel "A che punto…
    Approfondisci
    Il legale del Parma calcio: "Nuovo Tardini, buone probabilità che i lavori inizino la prossima estate. Stadio pr…
    Sul progetto definitivo del nuovo stadio Tardini, è intervenuto Marco Monaco. Il legale del Parma Calcio è intervenuto alla trasmissione “Costruzioni dal basso” su Radio TV Serie A con RDS. L'avvocato, rap…
    Approfondisci
    Commercial Leases in Italy
    Companies often need physical space to carry out their business activities. Consequently, they need to enter into a commercial lease agreement. A commercial lease agreement will set out the terms for how b…
    Approfondisci
    Settore immobiliare: perchè optare per investimenti sostenibili
    Con l’approvazione dello scorso marzo da parte del Parlamento UE della direttiva “Case green”, la posizione delle istituzioni europee è chiara: bisogna decarbonizzare il settore immobiliare. Messo da parte…
    Approfondisci
    Comune di Roma: dopo 15 anni le “nuove” norme tecniche di attuazione del PRG
    Lo scorso 13 giugno la Giunta Capitolina ha approvato l’aggiornamento delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore. L’obiettivo e “una rigenerazione urbana più semplice, sostenibile e attuale…
    Approfondisci